Festival del Cinema di Venezia 2016: le pellicole più attese

Festival del Cinema di Venezia 2016: le pellicole più attese

29 Agosto 2016 Off di EV

Mancano ormai davvero poche ore al Festival del Cinema di Venezia, giunto alla sua edizione numero settantatré e che nonostante gli anni che passano rimane tra le manifestazioni più importanti a livello globale per quel che riguarda la cosiddetta settima arte.

Questa manifestazione ha una lunga storia alle spalle, iniziata in epoca fascista e continuata subito dopo la fine della guerra. Nel corso di tutti questi anni il Festival del Cinema di Venezia si è imposto come evento a cui partecipare vuole dire aver fatto qualcosa di importante per il cinema.

Festival del Cinema di Venezia: quest’anno un programma davvero interessante

L’edizione 2016 del Festival del Cinema di Venezia partirà il 31 agosto per concludersi il 10 settembre. Il programma imbastito dagli organizzatori si presenta come uno dei più interessanti degli ultimi anni.

Sono infatti davvero una miriade i nomi importanti, a livello italiano e internazionale, che presenteranno al Lido un proprio lavoro, attendendo con ansia il responso di critica e pubblico.

Per capire l’alto livello qualitativo di questa edizione del Festival del Cinema di Venezia basti pensare al fatto che vi è moltissima attesa anche per diverse pellicole che non dovranno passare sotto le “forche caudine” della giuria presieduta da Sam Mendes, perchè fuori concorso. Insomma, i presupposti per un’edizione da ricordare sembrano esserci.

Ma quali sono le pellicole più attese? Di seguito ne sono indicate alcune che sono tra quelle che pubblico e addetti ai lavori sembrano attendere di più.

La pellicola di apertura e quella di chiusura

Tra le pellicole più attese di questa edizione del Festival del Cinema di Venezia vi sono senza dubbio La La Land e The Magnificent Seven. Festival-di-Venezia-678x381

La prima è stata selezionata non solo per il concorso principale, quello che la potrebbe portare, se la giuria la riterrà meritevole, al Leone D’Oro, ma anche per aprire questa edizione. Il film ha dietro la macchina da presa l’enfaint prodige Damien Chazelle, che il mondo ha scoperto un paio d’anni fa con l’incredibile “Whiplash”.

Il film si caratterizza per essere una storia d’amore in musical e senza dubbio la presenza di Ryan Gosling ed Emma Stone rende l’attesa per la sua proiezione ancora più spasmodica. La seconda pellicola è un remake del leggendario film di cui porta lo stesso titolo e le è stato affidato l’onore di chiudere la rassegna.

Il film, che ha Antoine Fuquacone dietro la macchina da presa e una star come Denzel Washington nel cast, risulta molto atteso per capire se il genere western ha davvero ripreso piede dopo le opere dei fratelli Coen e di Tarantino e perchè un western a chiusura di un Festival del Cinema di Venezia è evento rarissimo.

I film di registi “cult” come Terrence Malick, Tom Ford e Derek Cianfrance

Venezia quest’anno è riuscita in qualcosa di davvero incredibile, ovvero riuscire a riunire al Lido tre registi “cult” come Terrence Malick, Tom Ford e Derek Cianfrance.

L’attesa per l’opera con cui sarà presente Malick è altissima, specie perchè l’autore di “The Tree of Life” sarà presente a questo Festival del Cinema di Venezia con qualcosa di assolutamente inedito per lui: un documentario che ha come argomento centrale nientemeno che la storia dell’universo.

Tom Ford, poliedrico artista che nel 2009 ha contribuito a far ottenere a Colin Firth l’ambita “Coppa Volpi”, fa il suo ritorno al Lido e ovviamente ciò ha scatenato una grande attesa. Lo stilista sarà presente con una pellicola dove sono tanti i nomi di richiamo: uno su tutti quello di Amy Adams.

Il film, che promette di essere tra i più discussi di tutta la kermesse è “Nocturnal Animals”. Attesa allo stesso livello genera la nuova fatica di Derek Cianfrance, da cui tutti si aspettano moltissimo dopo lavori come “Blue Valentine” e “Come un tuono”.

Secondo gli addetti ai lavori il suo “The Light Between Oceans” sarà uno dei casi della rassegna, anche grazie alla coppia formata da Michael Fassbender e Alicia Vikander.

Mel Gibson e la serie di Paolo Sorrentino

Come si è anticipato vi è grande attesa anche per alcune opere fuori concorso. Tra le tante ne vanno senza dubbio citate due, ovvero quella che segna il ritorno di Mel Gibson dietro la macchina da presa e l’esordio di Paolo Sorrentino come regista sul piccolo schermo.

Il regista americano sarà presente con “Hacksaw Ridge”, pellicola che racconta una storia probabilmente poco conosciuta in Europa. quella del primo obiettore di coscienza americano ad essere stato premiato con un’alta onorificenza militare.

Paolo Sorrentino presenterà invece le prime due puntate di una serie televisiva che è destinata a fare scalpore, ovvero “The Young Pope”, di cui si sta parlando e vociferando da mesi.

La “Jackie” di Natalie Portman e l’opera seconda di Ana Lily Amirpour

Tra le attrici più attese e secondo molti in lizza per la “Coppa Volpi” e poi per i prossimi premi Oscar vi è Natalie Portman, che vedremo in ben due pellicole.

Quella più attesa e che potrebbe fruttarle un riconoscimento in questa edizione del Festival del Cinema di Venezia è “Jackie”, pellicola in cui la vedremo nella parte di Jackie Kennedy. Attesissima è anche un’altra donna, ovvero Ana Lily Amirpour.

La trentacinquenne americana di origini iraniane, che tre anni fa ha stupito il mondo con la sua opera prima, tornerà a Venezia con una pellicola in cui ha avuto modo di dirigere Keanu Reeves e Jim Carrey.

Il titolo del film è “The Bad Batch” e così come il suo folgorante esordio si caratterizza per il fatto di essere un horror assai particolare.