Servizi logistici: cos’è il picking

Servizi logistici: cos’è il picking

5 Maggio 2015 Off di BM
I servizi logistici raggruppano l’organizzazione, la gestione e le strategie che devono essere attuate per controllare i flussi dei materiali dai fornitori fino al cliente finale. Una parte essenziale dei servizi logistici è il picking, il processo che fa riferimento a tutte le operazioni che riguardano il carico o il prelevamento dei prodotti dal magazzino. Generalmente il picking riguarda il prelevamento, da un’unità più grande, dei vari colli, che possono essere degli imballaggi, dei pellet oppure dei contenitori. Il picking è essenziale sia gestito in maniera ottimale soprattutto per magazzini di grandi dimensioni in modo che il sistema sia efficiente e non presenti intoppi che rallenterebbero il processo di smistamento degli ordini e delle spedizioni. Quindi deve essere eseguito un monitoraggio continuo dei flussi in entrata e in uscita di un magazzino. La selezione tramite picking prevede che si prelevi una parte di materiale da un’unità e che venga successivamente ripartito ad altre unità. Il picking viene utilizzato solitamente in quei magazzini in cui i prodotti e i materiali siano facilmente conteggiabili, dal momento che si deve sapere esattamente il numero di elementi prelevati ed in seguito inviati. Generalmente l’attività del magazzino deve essere svolta con una precisa sequenza temporale che parte dal picking, quindi si passa alla selezione dei materiali che devono essere successivamente imballati e confezionati. Una volta eseguita questa operazione si deve passare allo stoccaggio della merce che infine dovrà essere distribuita e consegnata. Quindi il picking rappresenta un’attività che viene svolta, esclusivamente, in magazzino e che può riguardare sia prodotti finiti sia componenti. Questi oggetti possono appartenere ad una lista che viene indicata dal cliente e viene definita picking list, oppure la lista può essere generata mettendo insieme più ordini. In questo caso gli articoli che vengono prelevati vengono portati in un luogo specifico dove sono ripartiti, di seguito, in ordini singoli. Il picking deve essere diversificato rispetto agli altri movimenti del magazzino. Per esempio, non si deve confondere con l’abbassamento dei materiali che avviene quando si stoccano i prodotti su livelli di scaffali sempre più bassi, arrivando poi solitamente ad un picking finale quando i prodotti si troveranno al livello più basso e quindi pronti per lo smistamento.
Affidati agli esperti di picking e non solo: Trasporti GD servizi logistici